Insegne-luminose-guida-alla-conversione-da-neon-a-LED

Da neon a LED: guida alla conversione delle insegne luminose

Le insegne luminose sono un elemento fondamentale per attirare l’attenzione dei clienti e comunicare efficacemente il marchio di un’attività commerciale. Nel corso degli anni, il neon è stato uno dei materiali più utilizzati per le insegne luminose, grazie alla sua luminosità ed alla sua capacità di creare effetti visivi accattivanti. Con l’avvento della tecnologia LED (Light Emitting Diode), sempre più aziende stanno optando per la conversione delle insegne luminose da neon a LED.

Insegne luminose: guida alla conversione da neon a LED

La conversione delle insegne luminose da neon a LED offre numerosi vantaggi in termini di efficienza energetica, durata, flessibilità di design e sicurezza.

Prima di intraprendere la conversione, è consigliabile consultare un professionista esperto per valutare le migliori opzioni e garantire un risultato ottimale.

Seguendo i passaggi descritti in questa guida, è possibile effettuare una conversione da neon a led ed ottenere una insegna luminosa che sia più sostenibile e anche più attraente e funzionale per il tuo business.

Valutazione dell’insegna esistente

Prima di iniziare la conversione, è importante valutare lo stato attuale dell’insegna luminosa. Verificare l’integrità della struttura, l’alimentazione elettrica e le dimensioni dell’insegna per determinare la migliore strategia di conversione.

Selezione dei

Scegliere i LED più adatti alle esigenze specifiche dell’insegna luminosa. Considerare fattori come la luminosità, il colore, la temperatura di colore e la durata per assicurarsi di ottenere i migliori risultati estetici e funzionali.

Aggiornamento dell’impianto elettrico

Assicurarsi che l’impianto elettrico dell’insegna sia in grado di supportare i nuovi LED. Potrebbe essere necessario aggiornare i trasformatori o altri componenti elettrici per garantire un funzionamento ottimale.

Installazione dei LED

Rimuovere i vecchi tubi al neon ed installare i nuovi LED seguendo le istruzioni del produttore. Assicurarsi di posizionare i LED in modo uniforme e sicuro per ottenere la migliore distribuzione della luce.

Programmazione e controllo

Se l’insegna luminosa è dotata di funzionalità di illuminazione programmabile, assicurarsi di configurare correttamente i LED per ottenere gli effetti desiderati.

Utilizzare sistemi di controllo compatibili per gestire la luminosità e la modalità di illuminazione in base alle esigenze.

Manutenzione e monitoraggio

Una volta completata la conversione, è importante pianificare regolari controlli e manutenzione dell’insegna luminosa per garantire il suo funzionamento ottimale nel tempo.

Monitorare i consumi energetici e prestare attenzione ad eventuali segni di malfunzionamento per intervenire tempestivamente.

Insegna luminosa: perché convertirla da neon a LED?

La conversione da neon a LED rappresenta un investimento che porta numerosi benefici, tra cui risparmi energetici, minori costi di manutenzione, maggiore flessibilità di design e miglioramento della visibilità e della sicurezza. Vediamoli nel dettaglio.

  • Efficienza energetica. Le insegne luminose a LED consumano significativamente meno energia rispetto alle controparti al neon. Questo si traduce in costi operativi inferiori e in un impatto ambientale ridotto.

 

 

  • Flessibilità di design. Grazie alla loro dimensione compatta ed alla flessibilità nel controllo della luce, i LED consentono una maggiore creatività nel design delle insegne luminose. Possono essere utilizzati per creare effetti dinamici e personalizzati che si adattano meglio al marchio e all’identità visiva dell’azienda.

 

  • Migliore visibilità. I LED offrono una luminosità uniforme e costante anche in condizioni di luce diurna, garantendo che l’insegna sia sempre visibile e attraente per i passanti. Possono essere regolati per adattarsi alle condizioni di illuminazione circostanti, garantendo un’ottima visibilità sia di giorno che di notte.

 

  • I LED non contengono mercurio o altri materiali tossici presenti nei tubi al neon. Li rendono così più sicuri per l’ambiente e per le persone che interagiscono con le insegne luminose.

Conversione insegna luminosa da neon a LED: quanto si risparmia?

Il risparmio derivante dalla conversione dell’illuminazione da neon a quella a LED dipende da vari fattori, tra cui il consumo energetico, la durata e il costo dei dispositivi.

Le luci a LED consumano significativamente meno energia rispetto ai neon. In media, un tubo LED può risparmiare fino all’80% dell’energia rispetto ad un neon tradizionale.

I LED hanno una durata molto più lunga rispetto ai tubi fluorescenti. Mentre i neon tradizionali possono durare circa 10.000 ore, i LED possono durare fino a 50.000 ore o più, riducendo notevolmente i costi di manutenzione e sostituzione.

Anche se i diodi luminosi possono essere inizialmente più costosi rispetto al neon, il loro risparmio energetico e la maggiore durata possono compensare questo costo aggiuntivo nel tempo. Inoltre, i prezzi di questi dispositivi luminosi sono diminuiti negli ultimi anni, rendendoli più accessibili.

Il risparmio totale dipenderà quindi dall’uso effettivo delle luci, dai costi energetici locali e dai prezzi di acquisto dei dispositivi. Si stima che il ritorno sull’investimento per la conversione al LED avvenga entro 1-3 anni, a seconda delle circostanze specifiche.

Per ottenere un calcolo preciso del risparmio, è consigliabile eseguire un’analisi dettagliata considerando i costi energetici locali, il tipo ed il numero di luci utilizzate e altri fattori pertinenti.